08 novembre 2007

25 anni di fantascienza al cinema

9/11/2007 aggiornamento: Gli amici della lista di fantascienza m'hanno fatto notare come nella mia top ten abbia colpevolmente dimenticato almeno un film. Dovendo scegliere cosa eliminare per fare spazio a Fino alla fine del mondo la scelta è caduta su Highlander, film certo degno di essere ricordato ma forse il meno fantascientifico tra quelli elencati.
Oltre a questa modifica sostanziale ho corretto un paio di frasi che suonavano male e ho inserito tra le pellicole degne di menzione Essere John Malcovich.



Picture by Iguana Jo.
Chiacchierando di cinema fantascientifico con un amico ci si chiedeva quali fossero i film davvero imperdibili usciti negli ultimi anni.
Il limite temporale al nostro discorso era dato da Blade Runner, sembrava infatti che nessuna pellicola uscita successivamente fosse più riuscita a scuotere il nostro immaginario con la stessa forza.
Beh… non so se i film che seguono hanno rappresentato per gli ultimi decenni quello che la pellicola di Ridley Scott ha significato per noi nati negli anni sessanta. A me però pare che non siano proprio da buttar via.

(Prima di partire con l'elenco un paio di premesse. Non ho considerato i film relativi a supereroi e affini (per cui niente Spiderman, niente Unbreakable, niente gli Incredibili, sebbene la qualità di questi film sia per me fuori discussione), non ho considerato neppure i film d'animazione (tipo Il gigante di ferro o Akira che pure rappresentano ottimi esempi di sf). Rispetto alla data di uscita di Blade Runner (1982) ho considerato due periodi di una dozzina d'anni ciascuno. La divisione è del tutto arbitraria, il suo unico scopo è permettermi di inserire il doppio dei film che un'unica top-ten avrebbe consentito di inserire.)

1982-1994

- Aliens - Scontro finale (1986)
Basterebbe un personaggio come Ripley o una battuta come "Escono dalle fottute pareti!" per fare entrare questo film nella storia del cinema. Probabilmente il miglior film di fantascienza d'azione mi sia mai capitato di vedere.

- Brazil (1985)
Il 1984 di Orwell in salsa Monty Pithon splendido, esilarante e terribile.

- Terminator 2 - Il giorno del giudizio (1991)
Un altro film con personaggi in grado di sfondare lo schermo. In questo caso Sarah Connor ancor più del buon vecchio Schwarzy. Ottima storia con livelli di profondità inusuali per il genere.

- Ritorno al futuro (1985)
Probabilmente il miglior film sul viaggio nel tempo mai girato.
Quando Zemeckis e Spielberg mettevano il loro genio e la loro tecnica al servizio dell'intrattenimento e del sense of wonder invece di sforzarsi a voler spiegare al volgo il senso delle loro creazioni.

- Fino alla fine del mondo (1991)
Strano ibrido tra colossal e film d'autore, il fascino del film va ben oltre le categorie in cui viene incasellato. Una scorribanda attraverso 4 continenti alla ricerca del sogno perduto, incappando nella fine del mondo, cercando di dare un ultimo sguardo al pianeta. Da vedere con partecipazione.

- Tetsuo (1989)
La quintessenza del cyberpunk in un film. Carne e metallo e violenza nella purezza di un bianco e nero essenziale. Dal Giappone con furore.

- Il mio nemico (1985)
Un film dalla forte componente morale non affossato dal messaggio ed esaltato dall'interpretazione dei due protagonisti.

- La Cosa (1982)
John Carpenter ha lasciato il suo personalissimo segno per tutto il decennio degli anni '80, e visto che non è possibile inserire Fuga da New York in questa top-ten accontentiamoci de La Cosa, l'horror fantascientifico più implacabile del decennio.

- Predator (1987)
L'esordio dell'alieno più macho del cinema in uno dei primi film di guerra in cui la giungla non fa da sfondo al conflitto vietnamita.

- Hardware (1990)
Per chiudere questa top-ten un piccolo film che m'è rimasto impresso dalla prima volta che lo vidi. Non so se rivisto ora si salverebbe, di certo il ricordo che m'ha lasciato merita la citazione in classifica.

1995-2007

- Fight Club (1999)
"We are the all-singing, all-dancing crap of the world". Serve aggiungere altro?

- Eternal Sunshine of the Spotless Mind (AKA Se mi lasci ti cancello) (2004)
Il cinema delle meraviglie, tante sono le suggestioni di questa pellicola che non si finisce mai di stupirsi. Stupefacente, emozionante, sorridente.

- Dark City (1998)
Atmosfera noir e alienazione per un film che non rinuncia all'intrattenimento e alla suspense. Con più di qualche sorpresa.

- Gattaca (1997)
Una splendida opportunità in forma di thriller per riflettere sul nostro futuro geneticamente modificato. Patinato, ma per una buona causa.

- La Cité des enfants perdus (AKA LA città perduta)(1995)
Tenebroso come una vecchia fiaba, colorato come un ricordo, fantascientifico come un'(anti)utopia. Memorabile.

- The Truman show (1998)
Più dickiano di Dick, questo splendido film fa di tutto per non essere considerato di fantascienza. Ma fallisce miseramente. Per fortuna.

- Galaxy Quest (1999)
Più che un film di fantascienza, un film sulla fantascienza. Divertente come solo uno scherzo ben riuscito sa essere.

- Matrix (1999)
L'unico film degli ultimi vent'anni in grado di immettersi direttamente nell'immaginario comune. Comunque la si pensi non può mancare in questa classifica.

- Nirvana (1997)
La fantascienza in italia. Salvatores ci ha provato, forse non è servito a molto, ma almeno il suo film è all'altezza delle aspettative. Questo è uno dei pochi esempi validi di cinema cyberpunk. (gli altri li avete visti più sopra che altro di degno non c'è…).

- Solaris (2002)
L'ho apprezzato ancor di più dopo aver letto il romanzo. Uno splendido esempio di fantascienza insieme spaziale e metafisica, degno successore dell'inarrivabile 2001. Non è perfetto, ma del resto quale film riesce davvero ad esserlo?


In queste personalissime top ten non sono riusciti a entrare una mezza dozzina di film che però varrebbe la pena di recuperare. Non sono in lista a causa del troppo tempo passato dall'ultima visione - alcuni li ho visti un'unica volta un sacco di tempo fa - altri perché il loro impatto sul grande pubblico è stato praticamente nullo, magari anche a causa della distribuzione infame che hanno avuto, o forse perché in definitiva son piaciuti solo a me e pochi altri. Qualunque sia la ragione io 'sti film ve li consiglio comunque:
Moebius (1996), Pi Greco - Il teorema del delirio (1998), Lola corre (1998), Essere John Malcovich (1999), Pitch Black (2000), Fantasmi da Marte (2001), Serenity (2005), I figli degli uomini (2006)

Il dubbio di aver dimenticato qualcosa è forte, così come la sensazione che questa classifica sia molto soggettiva. Voi che dite, avete altri imperdibili film da segnalare?

17 commenti:

  1. parlando solo di film recenti mi vengono in mente almeno un paio di titoli, non so se "imperdibili", ma quanto meno, a parer mio, molto buoni: "donnie darko" (2001)ed "io robot" (2004).
    questo giusto così, per rispondere a caldo alla domanda... ;-)

    RispondiElimina
  2. poi, mi dispiace per gli altri, ma personalmente non avrei rinunciato ad inserire "fuga da new york" per nulla al mondo! ;-)
    e mi chiedevo anche se, nel recentissimo periodo, hai avuto modo di seguire alcune serie televisive che a parer mio hanno raggiunto davvero ottimi risultati (lo ammetto, sono una lost-dipendente!). non si trata di cinema, siam daccordo... ma un occhio d'attenzione lo meritano.

    RispondiElimina
  3. Considerando la mia dimestichezza con il computer e con internet, capisco la tua sorpresa nel vedere un mio commento sul tuo blog. Comunque ritornando ai film di fantascienza. Non ho visto tutti i film che richiami, ma tra quelli che ho visto sono daccordo che ci sono anche pellicole carine. Io però stavo parlando di storie veramente "potenti", di quelle che rimangono nella storia del cinema. Non si tratta solo di fantascienza, ma di CINEMA!!!!!! Conosco la tua competenza in ambito cinematografico, ed io a dire la verità non sono nemmeno un gran appassionato di film. Considera il mio parere quello di un non esperto, che fa delle considerazioni ad istinto, e mi piacerebbe sapere, anche da altri che seguono questo blog, se si tratta solo di miei viaggi, o se il cinema ha perso veramente qualcosa. Dove cavolo sono finite le sceneggiature veramente forti del cinema degli anni 70 ed 80, come ad esempio "Il Cacciatore","Il Padrino", "Il cielo sopra Berlino", o pellicole delal frontiera veramente epiche come (almeno a mio parere) "Corvo Rosso non avrai il mio scalpo" od "Il Piccolo Grande Uomo". Anche rimanendo nella fantascienza, i film che elenchi saranno sicuramente dei buoni film, ma penso non confrontabili con Blade Runner o Alien. E' come se tutto il cinema attuale avesse perso di spessore, o meglio che oltre ai film mediocri che sicuramente c'erano anche negli anni 70 ed 80, oggi mancasserò però completamente le punte di eccellenza. Ho come la sensazione che i veri talenti non siano più interessati al cinema e si dedichino ad altre cose. Mi farebbe piacere sentire l'opinione anche di qualche esperto, che magari mi dia una spiegazione convincente di questo fenomeno. Magari anche solo per convincermi che non ho capito niente, e che anche oggi continuano ad uscire film che sono dei "capolavori", e non semplicemente, bene che vada, dei film discreti.

    Ciao

    Claudio

    RispondiElimina
  4. Anche Abyss e Sfera credo possano rientrare nell'elenco... magari non proprio tra i migliori film del genere ma almeno tra quelli citati.
    A me comunque è piaciuto moltissimo anche "I figli degli uomini".

    RispondiElimina
  5. Ah, quasi dimenticavo... anche "l'esercito delle dodici scimmie" non era niente male.
    Distopico, viaggi nel tempo, allucinogeno quanto basta e con ottimi attori.

    RispondiElimina
  6. Concordo su (quasi) tutto, dal trascurato "Aliens - scontro finale" al più spensierato "Ritorno al futuro". Aggiungo un paio di blockbuster come "A.I." e "La guerra dei mondi" (che se non vale quello del '53 almeno è abbastanza ansiogeno da rimanere impresso), "Cube - Il Cubo", che è riuscito a sconvolgermi, ma sopratutto:
    Dune di David Lynch
    sia perchè è tratto dall'omonimo romanzo di Frank Herbert, sia perchè è di Lynch!

    RispondiElimina
  7. @ Lucharoja: Per quanto riguarda Donnie Darko hai ragione, è un buon film, ma secondo me è un filo sopravvalutato, insomma non rientra nella mia personale top-ten. Io, Robot invece l'ho cordialmente detestato.

    Spiace anche a me non aver potuto inserire Fuga da New York , ero convinto fosse successivo a Blade Runner. Quando ho scoperto che in effetti è uscito un paio d'anni prima ci son rimasto male.

    Quanto dici riguardo alle serie televisive mi trova completamente d'accordo, se negli anni la qualità media delle proposte cinematografiche sembra essersi via via appiattita, in tv invece la crescita è stata esponenziale. Vedi ad esempio Battlestar Galactica che sto guardando in questo periodo, il confronto con la serie originale è improponibile.
    (anche Lost è un buon esempio, anche se ho smesso di seguirlo dopo la prima stagione la qualità, soprattutto tecnica, della serie era decisamente buona. Che poi io mi sentissi preso in giro da come veniva gestito il racconto della vicenda e che mi fossi stufato della continua riproposta della tematica colpa/redenzione - manco fosse televaticano - beh… questo è un altro discorso :-)

    @ Claudio: è un vecchio discorso. Io non credo che siano scomparsi i filmoni di un tempo. Tieni presente che i film del passato che continuiamo a vedere sono la crema della produzione dell'epoca. Credo che la quantità di merda in circolazione negli anni '70 fosse analoga a quella attuale. Poi è vero che alcuni generi di film sono pressoché scomparsi.
    Ma il discorso è abbastanza interessante da meritare una riflessione più approfondita, magari ci torno sopra con un post apposito.
    (comunque le pellicole nella top-ten non sono carine, sono decisamente dei gran film!)

    @ Hill: tutti i film che citi sono interessanti per un motivo o per l'altro, ma nessuno dei tre mi è parso davvero memorabile. Questione di gusti, che ci vuoi fare… :-)

    @ hopkins: il problema di una top-ten è che devi per forza escludere qualcosa. E faccio davvero fatica a trovare un posto tra i primi dieci per Cube o Dune. Diverso il discorso per Spielberg, a parte l'immondo (per me!) A.I., La guerra dei mondi e ancor di più Minority Report sarebbero stati in grado di infilarsi nelle prime posizioni della classifica. Se solo non soffrissero entrambi di quei terribili 20/30 minuti finali di spiegazioni tra il banale, il ridondante e il retorico che uccidono quanto di buono c'era (e non era poco) nel resto del film.

    RispondiElimina
  8. Uso lo spazio del cinema di fantascienza per dirti che su tuo consiglio ho visto "Punto zero", e mi è piaciuto moltissimo. E' stato veramente emozionante ripiombare nell'atmosfera degli anni 70, e l'associazione tra immagini e musica è veramente notevole. Grandiosa la fotografia e la ricerca delle inquadrature; mi sembra che "fandango" abbia preso molto da questo film. Ma chi è e che cosa ha fatto dopo questo film il regista?

    Ciao

    Claudio

    RispondiElimina
  9. Ehi Claudio!
    Mi fa davvero piacere che ti sia piaciuto Punto zero, però, scusa, perché non me l'hai scritto qui?

    (Ordine ci vuole, ecchecazzo, mica perché c'è il blog uno può scrivere dove cazzo gli pare!)
    :-)

    Ma visto che sono buono ecco qui un elenco dei film di Richard C. Sarafian, regista di Punto zero. Per me sono tutte pellicole sconosciute… (anche se non mi pare ce ne siano di particolarmente significative).

    RispondiElimina
  10. Alcuni film della tua lista non li ho visti, ma tra quelli che ho visto non mi sembra di ci sia qualcosa che si avvicini a Blade Runner, o Alien. Ma cosa gli è successo a Ridley Scott?! Una cosa che non sono mai riuscito a capire bene è come sia possiible che alcuni registi riescano a fere uno o due capolavori, nei quali vedi che il film è curato fin nei minimi particolari, per poi andare completamente in cacchetta e produrre solo roba mediocre. Non credo sia solo una questione di soldi, in quanto si capisce quando un regista fa un film commerciale per scelta, come ad esempio lo scarsissimo "Le crociate", o "1492 la scoperta del paradiso". Il problema rimane anche quando vedi il tentativo di realizzare qualcosa di intenso, come alcuni film magari dove la regia rimane ad alti livelli, ma il film si frantuma nei dialoghi o nella storia o nella non credibilità dei personaggi, come il recente "Un'ottima annata", dove a mio parerre Scott ha perso un'occasione per sfruttare un'ottima idea che si intuiva dietro alle sue intenzioni. Nel film la storia ed i personaggi non risultano assolutamente credibili, e il regista è riuscito a sprecare anche l'ottimo Russel Crowe. Penso a Ridley Scott quando ha realizzato Alien, con attori non conosciuti ed una disponibilità economica che sicuramente non gli consentiva di reclutare i migliori sceneggiatori come potrebbe fare ora, però ne è uscito un film perfetto per il genere. Adesso potrebbe fare qualunque cosa, ed il meglio che riesce a realizzare è un film come il "Blsck hawk down", tecnicamente perfetto e devo dire grandiosa la ricostruzione dell'atmosfera della guerrigli urbana, ma si tratta pur sempre un un ottimo prodotto tecnico, senza idee nuove o qualche elemento di originalità, e devo dire molto "americano" nel senso peggiore del termine. A proposito concludo dicendo che ho visto The Jacket, e mi è piaciuto (ma è poi un film di fantascienza?). Notevole è infatti lo spessore dei personaggi, e gli attori a mio parerre sono stati tutti veramente bravi, realizzando interpretazioni molto intense e credibili. Mi sai dire qualcosa di più sul regista?

    Ciao.

    Claudio

    RispondiElimina
  11. Provo a rispondere in ordine alle tue osservazioni, magari un po' velocemente, casomai approfondiamo in un altro momento:

    - Nella lista ci sono parecchi film all'altezza dei film di Scott che citi, secondo me ce ne sono addirittura di superiori (bestemmia!)

    - Ridley Scott in effetti pare essersi del tutto rincoglionito. Certo, l'età e il benessere fanno miracoli nell'ammorbidire e afflosciare anche il miglior essere umano. Però, oh… la speranza è l'ultima a morire…

    - Per quanto riguarda John Maybury ti posso dire che The Jacket è il suo primo film commerciale. In precedenza ha fatto cose più sperimentali, video musicali e un film sulla vita e le opere di Francis Bacon (quest'ultimo dev'essere molto interessante, ma non l'ho ancora visto…)

    RispondiElimina
  12. Son curioso: quale sarebbe un film della tua lista che supera Blade Runner. Se è tra quelli che non ho visto, lo cerco immediatamente!!! O forse stai barando?

    Ciao

    Claudio

    RispondiElimina
  13. Sempre a proposito di film di fantascienza, ieri ho visto "I figli degli uomini". Non ero andato a vedere il film quando è uscito in quanto le recensioni che avevo letto non erano molto entusiasmanti. Poi dopo aver letto il tuo commento mi sono incuriosito. In effetti è stata una sorpresa, e concordo con il giudizio di tutti quelli che hanno scritto sul tuo blog, ed in particolare sulla scena finale di guerriglia: veramente realistica e coinvolgente! Superiore secondo me anche al realismo di BlackHawk down, che a me pare il miglior film per quanto riguarda il realismo nella ricostruzione della guerriglia urbana. A me è piaciuta moltissimo anche la fotografia e la credibilità nella rappresentazione di un futuro che non necessariamente sarà meno degradato o più tecnologico, e sono daccordo con iguana in merito al magistrale uso della telecamera. Solo la storia mi è sembrata un pò sfilacciata e in certi momenti difficile da seguire, con molte scene a mio parere inutili. Anche l'edea che sta alla base del film, per certi versi interessante ed originale, forse poteva essere sfruttata meglio. Insomma lo sviluppo della sceneggiatura mi è parso mediocre, ma il film regge ovviamente per tutto il resto.

    Un saluto

    Claudio

    RispondiElimina
  14. ...ok sono off topic, però sono tanti anni che non sento più giorgio; mi dicono che quà ti chiami iguana, molto bene...meglio di...giorgio!!, per esempio. Comunque ti abbraccio con affetto.

    Buona Vita!!!
    N.b. sono Lorenzo Cavani

    RispondiElimina
  15. Ciao Lorenzoooo!!!
    Quanto tempo! Mi fa davvero piacere vederti da 'ste parti!

    Spero di vederti ancora in giro prima o poi.

    A presto!

    RispondiElimina
  16. carmafrancesco16 giugno 2009 14:52

    Secondo me in questa lista manca Jhonny mnemonic, unico altro esempio di cinema cyberpunk non animato oltre a nirvana.
    Certo che in quel genere il capolavoro è ghost in the shell, anche se è un cartone animato.

    RispondiElimina
  17. ciao carmafrancesco, e benveuto da 'ste parti.

    Ti dirò, a me Johnny mnemonic non è mica piaciuto. Per le atmosfere cp secondo me sono decisamente meglio Nirvana o Matrix (per quanto…), per non parlare di Fight Club.

    RispondiElimina