24 giugno 2011

Jonah Lomu


Foto di Iguana Jo.

Ieri Jonah Lomu era a Modena e io ne ho approfittato per fare qualche foto. Questa sopra mi piace particolarmente per cui, oltre a postarla su flickr, ho pensato bene di condividerla anche con gli amici che seguono il blog.

Come? Chi è Jonah Lomu???
Va bene, ok. Capisco. Dopotutto il mondo del rugby non è così conosciuto da 'ste parti.

Jonah Lomu è probabilmente il giocatore di rugby più famoso della storia. Uno dei pochi capaci da solo di rivoluzionare l'impostazione di un ruolo, quello dell'ala, che sembrava immutabile.
Per capire il talento atletico di quest'uomo guardatevi questi video: ‪The Best of Jonah Lomu‬ Part 1 / Part 2.

Insomma, vedere ieri Jonah Lomu dal vivo è stato un po' come incontrare un supereroe dei fumetti.
Come in tutte le occasioni simili son fioccate le foto ricordo e dato che son notoriamente umile e vergognoso, vi mostro la mia.

La foto l'ha scattata Jacopo, ma mi assumo ogni responsabilità per la qualità dell'immagine che lo so, lo so, è quella che è, ma oh… c'ho quella faccia lì.

Che dite?
Forse postare la foto di Lomu da solo era sufficiente?

15 commenti:

  1. A me il rugby piace parecchiotto ma non seguo vista la scarsità di proposte italiana... un mio caro amico ha giocato con la Benetton rugby under 20 per qualche anno. Lomu è un grandissimo, peccato solo che i neozelandesi non sfruttino a dovere la sua immagine... sai che botta di pubblicità per questo sport?
    Forza Benetton!!

    RispondiElimina
  2. Jo ma questo è un mito anche per chi segue il rugby per modo di dire come me:-)

    RispondiElimina
  3. Porca vacca, che mito Jonah!! 130 kg di muscoli che fanno i 100 metri in 10,8 secondi, avete presente che forza d'urto doveva avere? Che idolo!
    Ve la ricordate la pubblicità dell'adidas che bella? http://www.youtube.com/watch?v=wKaqoq5NVVs

    Splendido shot Iguana, complimenti! ;)

    RispondiElimina
  4. Quella pubblicità mi piaceva un sacco...

    RispondiElimina
  5. Grande coppia - potreste proporvi per un action-movie...
    Scherzi a parte, bel colpo, e belle foto.

    RispondiElimina
  6. Bello vedere che mi preoccupavo inutilmente e che invece Lomu lo conoscete tutti!

    @ Eddy: in effetti il pasaggio di Lomu per Modena è parte di un tour promozionale!

    @ gian_74: quello spot l'avevo rimosso. Bella roba! Grazie per il link.

    @ Davide: ROTFL! Come è evidente dalla foto, io sono pronto, non so lui! :-)

    RispondiElimina
  7. Ciao, ho postato sul mio blog (Direzione errata - Rugby) una piccola chicca che un appassionato di rugby come te non si può lasciar fuggire...

    RispondiElimina
  8. Una cosa però non ho capito. Chi era quel finto giovane vicino a Jonah Lomu? LOL
    O.K. questa volta mi banna, poco ma sicuro. :)

    RispondiElimina
  9. No, è una bella foto, ha ragione Davide, sareste adatti per un remake dell' A-Team.
    L'unica cosa ai miei tempi era il padre che faceva la foto al ragazzino emozionato col suo idolo, non il contrario...

    Ciao, ho postato sul mio blog (Direzione errata - Rugby) una piccola chicca che un appassionato di rugby come te non si può lasciar fuggire...

    Stasera inizio ad allenarmi, che il rugby è appena diventato il mio sport preferito e ho trovato la squadra che fa per me :-)))

    RispondiElimina
  10. Nick, non ti banno solo perché mi hanno insegnato che bisogna portar pazienza con gli anziani :-P

    @ Marco: in effetti con le giuste motivazioni tutti possono darsi al rugby e cavarsi le loro belle soddisfazioni!

    (Per il film io pensavo piuttosto a qualcosa tipo l'ultimo boy-scout, che in effetti l'A-Team l'hanno appena rifatto. La foto al figlio col campione l'ho fatta, e ora sta sulla sua pagina fb. Solo Jacopo s'è categoricamente rifiutato di posare con Jonah. )

    RispondiElimina
  11. Diciamo che il 90% dei giocatori che ho visto nei video avrebbero bisogno di qualche seduta intensiva sulla tecnica di placcaggio, possibilmente con qualche allenatore NFL. Insomma, andargli addosso a petto in fuori e prenderlo per le spalle o al torace o comunque col busto eretto, è condannarsi a morte certa.

    Alberto Cola

    RispondiElimina
  12. No, no, non ci siamo Alberto, che a 'sto punto dovremmo chiamare un pallanuotista a insegnare ai calciatori come mettere la palla in rete, visto che in piscina si fanno di media molti più goal che in un campo da calcio.

    Quei video mostrano il talento di Jonah Lomu, e dunque fanno vedere le sue mete più spettacolari. Ovvio che la difesa non ci faccia una gran figura. Ma ti assicuro che anche il neozelandese è stato placcato più volte di quante non sia andato in meta (hai visto Invictus?).

    (BTW le squadre che vedi nel video sono tra le più forti al mondo: che si tratti delle nazionali francese o australiana o dei club più titolati della Nuova Zelanda.
    BTW2 "placcate basso!" è la frase più ripetuta della storia dagli allenatori di rugby. I giocatori se la sentono ripetere dalla prima volta che scendono in campo, che abbiano 6 anni o 60…).

    RispondiElimina
  13. Non mettevo affatto in discussione il talento di Lomu. Mi aveva colpito il fatto di vedere alcuni avversari pararglisi davanti senza neanche provare a piegarsi. Ovviamente asfaltati. Ho visto Invictus, e a quanto ho capito cuore, gioco di squadra e altri fattori, crearono quel mix che capita una volta sola (tipo l'Italia del 2006). Come si dice spesso, l'avesswero giocata altre dieci volte e magari altrove le avrebbero perse tutte. Ma quella fu la partita che contò. Per abitudine sono sempre stato portato a pensare che quando c'è una grande giocata sono in due a incidere: chi fa la parte positiva mettendoci il talento, e chi la parte negativa sbagliando qualcosa.

    Alberto

    RispondiElimina
  14. "…quando c'è una grande giocata sono in due a incidere: chi fa la parte positiva mettendoci il talento, e chi la parte negativa sbagliando qualcosa."

    D'accordo con te.
    Certo che rimanere asfaltati da Lomu non dev'essere stata una bella esperienza.
    Del resto quindici anni fa affrontare un giocatore si quella stazza in quel ruolo era una novità. Ora le cose sono piuttosto cambiate (almeno a quei livelli di rugby…).

    RispondiElimina