27 maggio 2015

Visioni: Mad Max Fury Road


Se cercate una recensione come si deve mi sa che dovete andare da qualche altra parte: purtroppo non ho più il tempo necessario ad articolare in maniera compiuta interessante e completa la mia opinione sui film che vedo o sui libri che leggo.
Ma un amico mi chiede cosa penso di Fury Road e allora mi tocca rianimare il blog e buttar giù due righe su un film che mi ha colpito come da tempo non mi accadeva per una pellicola di questo genere.
Mad Max Fury Road è la sublimazione definitiva del film d'azione contemporaneo: prendete le migliori pellicole degli ultimi vent'anni e togliete tutto il superfluo (niente chiacchiere o battute, nessuno spiegone, nessun roboante colpo di scena o predicozzo morale, zero scorciatoie), quel che rimarrà sarà una cosa che non avete mai visto prima pur avendola vista un milione di volte. Un capolavoro: Fury Road.

Per trovare qualche film che regga il paragone con la potenza e l'intensità di questo mi tocca andare indietro coi ricordi ai primi western di Sergio Leone, ma Fury Road è il film di un Sergio Leone dopato e femminista: George Miller, fortunatamente.

Se non lo avete ancora visto, fatelo: vale ogni istante trascorso in sala.

4 commenti:

  1. Ancora non l'ho visto, ma "C'era una volta il West" l'ho sempre visto come uno dei film più impegnati sul fronte della valorizzazione della figura femminile. "Mad Max Fury Road" mi sa che mi toccherà recuperarlo tra qualche mese. Magari ne riparleremo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Citando Leone pensavo soprattutto,alla trilogia del dollaro, laconici e perfetti com'erano quei film,

      Elimina
  2. Mi tocca tornare al cinema...

    RispondiElimina